Stufe Elettriche

Stufe Elettriche: Guida all’Acquisto

Come funziona una stufa elettrica?

Il principio di funzionamento di una Stufa Elettrica è il medesimo per qualsiasi stufa, di ogni tipo: si chiama effetto Joule ma in modo più semplice si può dire che gli elettroni che compongono la corrente elettrica, quando attraversano un materiale mettono in agitazione gli atomi che lo compongono e questo movimento degli atomi genera energia sotto forma di calore.

Ci sono materiali che sono più suscettibili a questo effetto, altri che si oppongono al passaggio della corrente elettrica, come ad esempio la plastica e il legno o il vetro e la ceramica per cui anche se si cerca di far passare la corrente, questa è bloccata, non passa e quindi non si genera calore. Si dice che questo materiali sono isolanti mentre gli altri sono conduttori.

Le stufe elettriche sono fatte di un elemento conduttore che, quando gli facciamo passare dentro una corrente elettrica, si riscaldano notevolmente e questo calore viene irradiato semplicemente o forzato con un ventilatore che fa passare sull’elemento riscaldato l’aria che si riscalda e si diffonde nell’ambiente. Vi sono poi altri materiali che, sempre sottoposti ad una corrente elettrica generano dei raggi non visibili ma caldi, gli Infrarossi.

I Termoventilatori

I termoventilatori sono le stufe elettriche forse tra i maggiormente diffusi, efficaci, di piccole dimensioni e di basso costo. Consistono, come suggerisce il nome, di un ventilatore che fa passare aria su un elemento riscaldante, diffondendo l’aria calda nell’ambiente riscaldandolo. In genere sono regolabili in due livelli di potenza e dotati di un termostato che ne determina lo spegnimento una volta raggiunto il livello di temperatura ambientale desiderato.

Si trovano generalmente in due modelli:

  • Da tavolo
  • A torre, dotata di un meccanismo che la fa ruotare i modo da diffondere in tutte le direzioni l’aria calda.

Si trovano anche modelli fatti a camino, dotati di luci che simulano la fiamma, per dare una nota caratteristica all’ambiente.

Varianti del termoventilatori sono i termoconvettori che funzionano allo stesso modo e sono commercializzati sia da pavimento che da muro, simili agli Split dei condizionatori.

Le Stufe Alogene

Le Stufe alogene sono composte da tubi di quarzo al centro dei quali si trova un filamento conduttore. Questo, attraversato da corrente elettrica, riscalda il quarzo che, così sollecitato, emette raggi infrarossi e una luce intensa ma non è quest’ultima tanto a scaldare, sono gli infrarossi. Si trovano su questa stufe due o tre elementi dietro ai quali si trova un pannello riflettente per aumentare la diffusione del calore.

Un meccanismo fa ruotare la Stufa per diffondere il calore in più direzioni. Ogni elemento ha una potenza tipica di 400 Watt, quindi al massimo con i tre elementi accesi consuma 1200 Watt, decisamente meno del termoventilatore che in genere arriva a 2000 Watt. Anche le Stufe Elettriche alogene hanno in genere un costo abbastanza basso.

I Pannelli riscaldanti

Si stanno diffondendo i Pannelli riscaldanti, un pannello piatto e sottile che con il passaggio della corrente nei suoi elementi genera raggi infrarossi. Sono molto sicuri soprattutto in presenza di animali e bambini, non bruciano e non ci sono possibilità di entrare in contatto con elementi sottoposti a corrente elettrica e hanno anche il vantaggio di essere verniciabili, personalizzandoli e rendendoli perfettamente integrati nell’ambiente. Possono essere posizionati al pavimento o appesi ad una parete; lo spessore di poco superiore ad un centimetro li rende estremamente versatili, posizionabili ovunque. Il costo sale un po’ rispetto agli altri apparecchi.

Close
Close